Ho sempre avuto l’impressione di portare pesi che non mi appartenevano.

Ero ancora molto giovane quando capii che non ero solo il frutto della mia esperienza, ma che portavo dentro di me frammenti del vissuto di chi mi aveva preceduto.

Iniziai così un percorso di crescita che mi portò a prendere coscienza dell’origine dei miei disagi.

Studio da più di vent’anni le arti e le discipline che aiutano a trovare l’equilibrio tra mente, corpo e spirito.

Si dice che noi passiamo agli altri solo quello di cui abbiamo fatto esperienza.

Oggi aiuto le persone a prendere coscienza dei loro malesseri.

 

Lettura e scrittura sono sempre state un’ancora di salvezza. Qualche anno fa mentre vivevo un momento difficile, usai la scrittura come valvola di sfogo. Scrivevo e svuotavo.

 

Poi scrivere è diventato un vero e proprio piacere.

Ho pubblicato il mio primo romanzo: 999 vite (uniti da un filo di seta).

 

A presto.

Nadia